Realizzato da
Con il contributo

Il Museo Internazionale Design Ceramico Civica Raccolta di Terraglia

Il Museo internazionale design ceramico civica raccolta di terraglia venne istituito nel 1970, nel cinquecentesco palazzo Pernabò, situato nella frazione di Cerro. L’esposizione si concentra sulla terraglia, materiale ceramico che ha avuto larghissima diffusione nella realizzazione di oggetti decorativi e di uso comune.

Continua...

 

La Società Ceramica Italiana

Le origini e l'Ottocento

La produzione in terraglia iniziò in Inghilterra attorno alla metà del XVIII secolo, con l’obiettivo di soddisfare la crescente domanda di prodotti in ceramica di qualità media. Gli imprenditori inglesi potevano avvantaggiarsi di un mercato interno in continua espansione, grazie alla concomitanza con il processo di industrializzazione del Paese, della buona disponibilità di materie prime di alta qualità e di fonti di energia a buon mercato. Per questo i prodotti britannici invasero ben presto tutta l'Europa stimolando, come reazione per cercare di arginare la concorrenza straniera, l’imitazione da parte di produttori locali.

Continua...

 

La produzione della ceramica

La terraglia

La terraglia è una sorta di prodotto di qualità intermedia tra la maiolica e la porcellana. Mentre la maiolica è terracotta smaltata ottenuta dalla comune argilla rossa, la porcellana è ottenuta con un impasto composto prevalentemente da caolino, un tipo di argilla particolarmente fine che permette di ottenere prodotti che cuociono “in bianco”, di bassissima porosità e quindi particolarmente resistenti nonostante la finezza della lavorazione.

Continua...

 

Il territorio di Laveno

Laveno visse per circa 140 anni in completa simbiosi con l’industria della ceramica: essa significò per i lavenesi non solo occupazione, ma segnò profondamente anche la vita politica di Laveno, le istituzioni assistenziali ed educative del comune, in poche parole l’intera vita della comunità lavenese.

Continua...