Indice
Ercole Comerio
Da operaio a imprenditore
Dall'officina alla fabbrica
Tra le due guerre
Guerra e dopoguerra
Tutte le pagine

La formazione

Nacque a Busto Arsizio, l’11 dicembre 1860, quarto e ultimo figlio di Melchiorre e Maria Guzzetti. La famiglia, originaria di Busto, esercitava lo smercio all’ingrosso di formaggi ai dettaglianti della zona, ma il giro d’affari non era tale da offrire concrete possibilità di inserimento nell’attività commerciale a tutti i figli.

Così nel 1873, ultimati gli studi primari, il C. andò a lavorare come operaio presso la Cantoni-Krumm di Legnano, la più importante azienda meccanica della zona (nel 1881 la società prenderà il nome di Franco Tosi). L’esperienza diretta del lavoro operaio fu cruciale per il C. che mantenne sempre un legame strettissimo con la dimensione dell’officina, occupandosi di prima persona di molti aspetti della produzione.

L’ultimo trentennio del XIX secolo vide il progressivo sviluppo di società impegnate nella costruzione del macchinario necessario alla nascente industria nazionale. In particolare, l’Alto milanese fu teatro della nascita di varie iniziative legate all’industria cotoniera, che andava completando, giusto in quegli anni, la sua piena meccanizzazione. In questa fase, le imprese italiane non potevano ancora offrire un prodotto competitivo con le macchine importate dagli altri paesi europei, ma si concentravano piuttosto sulla produzione degli elementi più semplici (ad esempio le caldaie a vapore).

Nonostante una lunga pausa per il servizio militare (all’epoca triennale) svolto a Gaeta con l’incarico di capo furiere, il C. percorse una rapida carriera all’interno della Cantoni-Krumm, giungendo a ricoprire il ruolo di capo del reparto attrezzeria e strumenti della ditta. Questo incarico gli permise di completare la propria formazione tecnica e accumulare competenze che si riveleranno preziose quando deciderà di avviare un’attività imprenditoriale in proprio. In particolare l’attenzione e la passione per l’attrezzistica sarà una costante per tutta la sua vita, tanto che, fino agli ultimi anni di lavoro, si occuperà sempre personalmente della progettazione e della costruzione di alcuni attrezzi e degli strumenti di verifica e misura.